Come un re, un imperatore!

Il continuum vermiglio
della mia travagliata vita
è il dolore fosse del corpo
o del cuore, spesso tradito
da coloro a cui m’appiglio
cercando una sicura presa
un piedistallo sicuro sostegno
al mio animo mite e gentile
dote sottovalutata e futile
ai più scaltri e pusillanimi
falsi amici falsi conoscenti
alle spalle pronti a pugnalarti
tristi figuri frustrati e incapaci
il dolore mi è fedele compagno
lente e implacabile rivelatore
dell’altrui miserabili piccolezze.
Come un re li osservo dall’alto…

corona 690017-1-800x800

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...